Salamandra di Lanza

Nome scientifico: Salamandra lanzai

Nome comune: salamandra di Lanza

Ordine: caudati

Famiglia: salamandridi

Velenoso: dalle ghiandole fuoriesce una sostanza irritante per le mucose

Indole: mansueta

Dove e quando lo si può trovare

Salamandra lanzai é presente da 800 fino a 2800 mt. sul livello del mare e si trova sulle Alpi Cozie piemontesi.

Il suo periodo attivo va da aprile a maggio e poi da settembre a novembre (sverna ed estiva). Sverna anche per 7-8 mesi alle alte latitudini.

Salamandra lanzai é un animale notturno ma esce fuori dalla tana se la giornata è piovosa.

Il suo habitat ideale é il bosco di conifere.

Descrizione visiva

Molto simile a Salamandra atra per aspetto e comportamento, differisce da questa per basi genetiche e areale distributivo. Da adulta la salamandra raggiunge 9-13 cm di lunghezza. Si presenta con un corpo di forma rotondeggiante, non molto aggraziata nei movimenti, e con coda di sezione quadrata lunga più o meno quanto il corpo. Gli esemplari di Salamandra lanzai hanno dorso nero e ventre grigio, con pelle lucida e parotidi ben evidenti. La testa è arrotondata e piccola e le zampette e le dita sono corte, perfettamente idonee alla vita terricola ma non a quella acquatica. I fianchi hanno 11-12 linee costali molto marcate e visibili.

Comportamento e riproduzione

L’animale essendo goffo e lento si nutre di piccoli insetti e piccoli invertebrati poco mobili come lombrichi e chiocciole. Non è molto abile nel nuoto non avendo membrane interdigitali fra le dita. Dalle tante ghiandole presenti sul dorso fuoriesce un muco moderatamente tossico che la rende poco appetibile in quanto fortemente irritante a contatto con le mucose.

Sverna per molti mesi all’anno per proteggersi dalle basse temperature alpine. In queste circostanze l’animale si raggruppa con altri suoi simili in anfratti e piccoli rifugi al riparo dal freddo. Estiva nei periodi più caldi non sopportando alti gradienti di temperatura.

Il dimorfismo sessuale é molto evidente poiché la femmina é più grande del maschio. Il maschio inoltre presenta una cloaca più gonfia al contrario della femmina che invece non presenta alcuna protuberanze. La copula avviene a terra, in primavera, con fecondazione interna. Solitamente si ritrovano più esemplari al momento dell’accoppiamento. Salamandra lanzai è vivipara. Dopo 9-10 mesi di gestazione avviene il parto a terra, la femmina partorisce uno/sei piccoli di 4 cm già da subito indipendenti e metamorfosati. Il periodo di gestazione può prolungarsi oltre tale periodo se le temperature ambientali non sono ideali per favorire la nascita dei piccoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.